“Rinascita”

Sei sdraiata su un tavolo di fredda pietra.

Legata con fasce di seta porpora.

Vestita solo delle mie volontà.

Ogni respiro una preghiera che ineggi alla mia attenzione.

Sopiti,ansanti,palpiti di palpebre dietro la mia cravatta che ti oscura la vista.

La gola si chiude al ghermire dell’ombra della mia mano.

Calore e lacrime sgorgano dai tuoi occhi ciechi.

Le labbra si dischiudono…attendono.

Fiato caldo riempie la tua bocca aperta.

Con la mano ti chiudo bocca e naso.

Ingoi il mio fiato…Il tuo cuore pulsa più forte.

La tua mente si annebbia e viola le soglie della tua volontà.

Il suono della mia voce ti permea e ti profana.

“Adesso rinascerai.

Nuda a ciò che pensavi di avere.

Cieca a ciò che credevi di raggiungere.

Sorda a ciò che rindondava insignificante.

Muta a ciò che afona chiedevi.

Il mio fiato sarà la tua anima.

Le mia volontà i tuoi pensieri.

Il mio tocco, la tua venuta.

Il tuo primo vagito sarà il mio nome”

TI vedo dimenarti in cerca di libertà.

I tuoi polmoni cercano aria.

Gli occhi si arrossano e le pupille si allargano.

Lacrime bagnano il tessuto della cravatta.

La bocca sbava dai lati della tua bocca serrata.

Sento il terrore dentro di te.

“Sei pronta a nascere mia?” Ti urlo nell’orecchio

Tu aumenti il ritmo del tuo corpo.

La tua testa osanna un disperato si.

La tua voce ovattata mi mugola sotto la mano ferma.

“Sei mia?” Ti urlo ancora

Il tuo corpo mi implora…la tua mente mi supplica.

Tutto di te mi stà urlando si…ti scongiuro si.

Le mie mani lasciano all’unisono la tua gola e il tuo viso.

Tossisci…sbavi…ti riempi i polmoni inarcando quanto puoi la schiena.

Lacrime scivolano sul tuo viso…

Aspetto qualche secondo.

Poi ti tolgo la cravatta dagli occhi.

La tua vista liquida riprende chiarezza sul mio viso.

Attimi di silenzio.

“Mio signore

Io sono rinata dal tuo fiato.

E fino all’ultimo sarà solo per te”

In un attimo…sei finalmente viva.

5 risposte a "“Rinascita”"

I commenti sono chiusi.