Volto in me

Dita tremanti in pozze di acque torbide vergavano superfici di vetriolo e paure.

Annegato in queste astinenze di aria e fiato continuavo nell’annaspare in dubbi a me da me

Viso senza contorno, rispecchiava paura sull’ebano piano del mio vuoto quesito.

Amniotico guscio.

Veste fragile fu risvolto mio saio.

Tu luce oltre il velo.

Tu albore in mosaica mente.

Tu mio specchio…io rifletto e divengo Dio in me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...