AttendeRe

Ricordai, riordinai, sistemai e sospirai.

Attesi, resistetti, sperai e sorrisi.

Passione, amore, calore e veemenza.

Tempus non fugit e in redini ponderai il suo scorrere.

Brama infuriò in me e Titano mi ergei al non farla fluire.

Quesito non porsi alla risposta eletta.

Navigante in encefalo onde.

Supplice di merito.

Tu ode e vessillo.

Tu verso e verbo.

Riposta tempesta hai reso me uomo.

Velo e vento il nostro fluire.

Isole che non furono che scogli, creeranno il nostro mondo.

Tu regina di essere donna.

Io Uomo al di sopra dell’esserti Re.

Una risposta a "AttendeRe"

I commenti sono chiusi.