Nero Creato

Prima era il vuoto nero pensiero.

Poi vi è stato il vagito del silenzio.

Drappi e strappi nel creato colarono lingue su terre diverse.

Versi urlarono e piegarono la ragione per renderla armonia.

Non vi fù credo sufficiente a instillare la meraviglia che ne sarebbe scaturita.

Allora inventarono figure che dessero screziate sonorita al volgere dell’udito.

E li chiamarono poeti.

Sorgevano e migravano come gli imperi che visitavano.

Menti a imprimere solennità al loro passo, narravano di ciò che fu prima di loro.

Usarono le mani per far affiorare idee in vero.

Le chiamarono arti.

Scroscianti furono i fuochi che si accesero in chi prima non vedeva.

Risa e lacrime lastricarono la storia.

Passione e mestizia distrussero confini irreali di limiti invalicabili.

Meraviglia e follia trafissero le ere.

La ragione divenne bellezza.

Ammantata.

Ammirata.

Amata.

Alla fine del tutto, ci sarà di nuovo il nero.

Ma tu resterai in eterno.

Tu sei la bellezza.

Io il nero del mio descriverti.

4 risposte a "Nero Creato"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...